• Home
  • News
  • Area Blu siglato integrativo
  • Home
  • News
  • Area Blu siglato integrativo
170321_firma_2.jpg

Area Blu siglato integrativo

Sottoscritto l’accordo integrativo di 2° livello in Area Blu Sp.A., azienda interamente partecipata dal Comune di Imola che si occupa di attività strumentali e funzionali agli Enti soci nell’ambito della gestione, riqualificazione, progettazione e realizzazione di opere pubbliche, edifici e immobili, infrastrutture e aree pubbliche, dei servizi connessi alla gestione della mobilità, delle linee viarie, della sicurezza stradale e della sosta.

Martedì 18 luglio Filctem-FP/CGIL, UilFp-Uiltec/UIL, FPCisl-Femca/CISL hanno raggiunto l’intesa con i vertici di Area Blu, dopo avere chiesto ai lavoratori di bocciare, durante l’assemblea del 21 giugno scorso, il testo precedente perché ritenuto insufficiente dal punto di visto economico, viceversa sostenuto da CSA-RAL e da Cisal Federenergia che avevano dichiarato essere pronti a firmare.

L’accordo prevede l’armonizzazione e quindi il trattamento uguale per tutti i dipendenti dei diversi istituti derivanti dai rispettivi contratti collettivi nazionali di appartenenza (gas acqua e enti locali), nel rispetto di quanto definito con gli accordi precedenti come ad esempio su orario elastico, pausa, ritardi,straordinari,permessi brevi e conto ore, ferie e permessi, congedi dei genitori, diritto allo studio, permessi retribuiti, cessione di permessi e ferie, e visite Mediche.

Grazie alle richieste delle categorie di Cgil, Cisl e Uil inviate all’Amministratore Delegato successivamente all’assemblea del 21 giugno, i lavoratori da luglio 2019 avranno inoltre una parte del premio di risultato,in aggiunta al premio di risultato variabile, consolidato sotto forma di ad personam non assorbibile pari a 150,00 euro per i lavoratori con contratto gas-acqua e 80,00 euro per i lavoratori con contratto i enti locali.

"Siamo soddisfatti - dichiara Kevin Ponzuoli segretario organizzativo Cisl Fp Area metropolitana bolognese -  del risultato conseguito ma  soprattutto della parte integrativa dell'accordo che unitariamente Cgil Cisl e Uil hanno sostenuto con forza a  differenza dei sindacati autonomi che avrebbero già voluto firmare il testo precedente il 30 giugno".

Sito realizzato da
QuoLAB | Web Agency Bologna