• Home
  • Cambio appalto assemblee in strada
  • Home
  • Cambio appalto assemblee in strada
180918-assemblea-in-strada.jpg

Cambio appalto assemblee in strada

Dal 1° ottobre all’Università di Bologna si assisterà al cambio appalto per il servizio di pulizie: tra i 150 e i 200 lavoratori impiegati a tenere in ordine aule, uffici, bagni e sale dell’Ateneo più antico d’Europa. Purtroppo, però, l’azienda uscente Rekeep (ex Manutencoop) e l’Università di Bologna non sono riusciti a trovare in nessuno dei Dipartimenti sparsi per la città una sala per consentire le assemblee dei lavoratori. Assemblee, peraltro, previste in orari (alle 7 del mattino) in cui le sale sono ancora vuote, come confermato da lavoratori e studenti. Così le Organizzazioni sindacali, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltrasporti, hanno convocato i lavoratori in strada. Questa mattina, 18 settembre, si è svolta la prima nutrita assemblea in piazza di Porta Saragozza. Domattina, sempre alle ore 7, ci troveremo nuovamente insieme alle lavoratrici ed ai lavoratori in piazza Puntoni, davanti alla mensa universitaria. E la prossima settimana si replica, con le stesse modalità se necessario.

Come detto solo nel bolognese questo cambio appalto coinvolge quasi 200 lavoratori che dal 1° ottobre rischiano la perdita di lavoro oppure una drastica riduzione di orario, in una situazione complessa nella quale l’azienda uscente non rispetta il contratto nazionale collettivo di riferimento. Suo specifico obbligo era presentare la lista degli addetti interessati al cambio appalto entro 15 giorni dal cambio, ma ad oggi non è stata fatta pervenire alle organizzazioni sindacali alcuna comunicazione, e neppure all’azienda subentrante. Oltre a questo si aggiunge che l’azienda Rekeep (ex Manutencoop) non si presenta neppure agli incontri

Per tutte queste ragioni, e considerati i pochi giorni che ci separano dal cambio appalto, le organizzazioni sindacali chiedono a Rekeep di rispettare il contratto nazionale, e presentare l’elenco dei lavoratori impiegati nell’appalto così da garantire il mantenimento dei livelli occupazionali.

Filcams
Fisascat
Uiltrasporti



 

Sito realizzato da
QuoLAB | Web Agency Bologna