201111-riunione.jpg

G.D.Linee guida verso rinnovo integrativo


Si è svolta nei giorni scorsi (10-11-12 novembre) una discussione ampia con le lavoratrici della G.D, in presenza e a distanza (visto che sono ancora circa 800 i lavoratori remotizzati), sia a Bologna che ad Anzola, in merito alle linee guida che Fim, Fiom, Uilm hanno elaborato in vista dell’approssimarsi della scadenza del contratto integrativo aziendale a dicembre 2021.

Dalle tutte le assemblee è arrivato un messaggio di solidarietà alla lotta dei lavoratori della Saga Coffee/Gruppo Evoca in presidio permanente per difendere i propri posti di lavoro e lo stabilimento di Gaggio Montano.

Si tratta di un documento che affronta i molteplici aspetti della vita lavorativa e che si può leggere come centrato intorno a quattro aree tematiche:
1) La consapevolezza del contesto dell’Azienda e del settore del packaging, attraversato da profondi cambiamenti (dalle conseguenze a medio-lungo periodo della pandemia all’impatto delle nuove tecnologie);
2) La necessità di affrontare i cambiamenti e l’impatto delle nuove tecnologie sulle attività lavorative attraverso la contrattazione collettiva, per condividere le trasformazioni e non subirle;
3) L’impegno a rafforzare il complessivo sistema dei diritti individuali e collettivi e della conciliazione tra tempo personale e tempo di lavoro, consolidando l’esperienza dei “nuovi orari”, dello “smart work”, innovando quanto già presente nella contrattazione, a partire dai “permessi per visita medica” e del “part time” e introducendo precise norme contro tutte le discriminazioni;
4) L’incremento delle retribuzioni e la tutela delle professionalità, con gli strumenti del Premio di Risultato, concordando il non assorbimento dei superminimi individuali (a tutela dei ruoli ricoperti in aziendale e delle professionalità) e attraverso l’aumento del “superminimo aziendale” per tutte e tutti.

Le linee guida sono un documento importante che parla, al tempo stesso, sia ai lavoratori della G.D, che al territorio, confermando ancora una volta che la condizione dei lavoratori non è mai separata dalla società.

 

Sito realizzato da
QuoLAB | Web Agency Bologna