• Home
  • Lavor.appalto bibliot.comunali quale futuro?
  • Home
  • Lavor.appalto bibliot.comunali quale futuro?
200706-libri-bibilioteca.jpg

Lavor.appalto bibliot.comunali quale futuro?

Il comunicato stampa di Filcams, FIsascar, Uiltucs a proposito dei lavoratori (Working soc.coop.) in appalto nei servizi bibliotecari di biblioteche comunali e Sala Borsa.

Superata la fase più critica dell'emergenza Covid-19 e il lock-down degli scorsi mesi, l'Italia e la nostra Bologna stanno tornando gradualmente alla normalità seppur nel rispetto delle misure a contrasto del contagio e di distanziamento sociale.

Una spinta, quella del progressivo ritorno alla normalità, che più volte si è trasformata in proclami ed inviti a cittadinanza, studenti e turisti di rincominciare a vivere la città ed occupare i suoi spazi. Tutta la città è in attesa degli eventi culturali e celebrativi dell'estate bolognese.

In contemporanea a tutto questo si consuma la situazione delle lavoratrici e dei lavoratori (Working Soc. Coop.) in appalto nei servizi bibliotecari di Biblioteche Comunali e Sala Borsa che dal 18 maggio hanno riaperto i battenti con un servizio assolutamente ridotto, a singhiozzo e diversificato da struttura a struttura.

Tale situazione non passa inosservata alla cittadinanza e agli utenti che ogni giorno vivono quei luoghi di cultura e li rendono cuore pulsante della città. Cittadini e utenti che, sempre nel rispetto delle nuove regole di sicurezza e anti-contagio che contraddistinguono oggi la nostra vita, chiedono a gran voce – anche proprio a quelle lavoratrici e a quei lavoratori – di poter accedere a quei luoghi e a quei servizi.

Durante il lock-down queste lavoratrici e questi lavoratori, spesso con contratti di lavoro precari di poche ore contrattuali settimanali e retribuzioni mensili che non superano i mille euro – e nonostante ciò affitti da pagare, spese giornaliere e carichi familiari – hanno già vissuto sulla propria pelle le difficoltà e le restrizioni di quasi tre mesi di totale chiusura e di ammortizzatori sociali e ancora oggi subiscono un ritorno al lavoro per non più del 30-45% delle proprie ore. E la situazione sarà ancora più critica già a partire da questo mese e in quelli a venire quando, senza una seria riapertura, diventerà attuale il rischio per la cooperativa datrice di lavoro di dover ricorrere agli ammortizzatori sociali ordinari.

A ciò si aggiunge la preoccupazione dell'imminente scadenza dell'appalto di fine anno, per cui le lavoratrici e i lavoratori dell'appalto ancora oggi non hanno certezze sulle conseguenze che la “crisi” e il superamento dell'Istituzione Biblioteche porterà sul rinnovo dell'appalto e, di conseguenza, dei loro rapporti di lavoro.

Da ormai due settimane le O.O.S.S. territoriali, confederali e di categoria hanno avanzato una richiesta di incontro all'Amministrazione Comunale, al fine di ricevere garanzie sulla riapertura e il ritorno al lavoro dei dipendenti della cooperativa in appalto, nonché sulla certezza del mantenimento dei livelli occupazionali.

Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e UilTucs chiedono al Comune di Bologna di incontrarle al più presto, al fine di dare risposta alle lavoratrici e ai lavoratori dell'appalto, da troppo tempo lasciati nell'incertezza del futuro.


Filcams CGIL
Fisascat CISL
Uitucs-UIL

Sito realizzato da
QuoLAB | Web Agency Bologna