Home » News » News » GD accordo smart working 8 gg.al mese

GD accordo smart working 8 gg.al mese


Pubblicato il: 19 Ottobre 2021
Nella categoria:

Introdotto dall’integrativo aziendale del 2017 e messo alla prova con la pandemia, lo smart working diventa strutturale in Gd grazie all’accordo sottoscritto ieri da sindacati e azienda, che prevede un massimo di otto giorni di lavoro da remoto, che possono diventare di più se ce ne sono le condizioni.

“La discussione è stata complessa e con l’azienda si sono dovuti ricercare dei punti di convergenza per arrivare ad un accordo che, come delegati Fim, Fiom e Uilm, riteniamo complessivamente positivo e che, almeno per quello che ci riguarda, procederemo a firmare”, spiegano i delegati dei metalmeccanici confederali. La struttura portante dell’accordo, è quella dell’intesa precedente accordo sul lavoro da remoto in modalità straordinaria sottoscritto a ottobre dello scorso anno, nel pieno della seconda ondata di Covid.

Le otto giornate di smart working, saranno decise, di norma settimanalmente, dal confronto tra il responsabile e il lavoratore interessato, tenendo conto delle esigenze organizzative, degli spazi e delle esigenze personali del dipendente. “Previa autorizzazione preventiva del responsabile sarà possibile l’eventuale superamento del tetto massimo di otto giorni al mese in smart working, sempre nel rispetto delle esigenze organizzative, degli spazi disponibili e delle esigenze personali del lavoratore”, spiegano i delegati aziendali.

“Eravamo partiti con una proposta che prevedeva dei giorni minimi e non massimi di smart working e vista l’indisponibilità da parte aziendale, abbiamo avanzato una richiesta superiore agli otto giorni poi definiti”, riferiscono i sindacati, che spiegano di aver ottenuto come mediazione la possibilità di concordare giorni aggiuntivi. L’adesione all’accordo è su base individuale e c’è tempo fino a fine novembre (da 2 novembre).

“Abbiamo ottenuto che se per eventuali motivazioni tecnico-organizzative, fosse necessaria una variazione nella pianificazione delle giornate di lavoro da remoto, l’azienda dovrà rispettare un preavviso di 48 ore”, aggiungono. L’intesa conferma quanto previsto sul diritto alla disconnessione e prevede il riconoscimento dei buoni pasto anche per le giornate di lavoro da casa. I contenuti dell’accordo saranno applicati a partire dall’1 gennaio, fino ad allora resterà valida l’intesa dello scorso anno.(Agenzia Dire)


CISL AREA METROPOLITANA BOLOGNESE

Indirizzo: Via Milazzo 16  - 40121 BOLOGNA
Tel: 051 25 66 11
Email: ustm.bo@cisl.it ust.bologna@pec.cisl.it
C.F.: 80058950371